Anversa degli Abruzzi  Bugnara  Campo di Giove  Cansano  Cocullo  Corfinio  Introdacqua  Pacentro
  Pettorano sul Gizio  Pratola Peligna  Prezza  Raiano  Roccacasale  Scanno  Villalalgo  Vittorito
 
Home Area Informativa da vedere Siti Archeologici › Pacentro

Colle San Leopardo *
Rilievo della Villa, da Wonterghem Il territorio di Pacentro, famoso per il suo castello, vanta in realtà testimonianze ben più antiche del periodo medievale. Basti pensare che nei pressi del paese attuale, in località "Balze del Morrone", sono visibili in un riparo roccioso alcune pitture rupestri, databili tra l'Encolitico e la prima età del Bronzo. Si tratta di figure umane stilizzate dipinte con ocra rossa, disposte forse a raffigurare una cerimonia religiosa. Se tale contesto attesta la precoce frequentazione umana di questo territorio, non mancano testimonianze relative all'epoca italica e romana. Sul Colle San Leopardo, a sud del paese attuale, si conservano notevoli resti di un edificio del I sec.a.C., forse una grande villa rustica, costruito sulla roccia del versante settentrionale dell'altura e terrazzato.

Le strutture visibili giungono fino a m.7 di altezza, sono in opera quadrata e incerta; sono distinguibili almeno tre ambienti collegati tra loro e a quote differenti, due dei quali presentano sulle pareti delle piccole nicchie.

Le caratteristiche riscontrabili fanno pensare ad ambienti di servizio di un edificio più esteso. Su un blocco della costruzione è visibile una scultura apotropaica raffigurante un doppio fallo sormontato da una figuretta umana.

Sempre dall'edificio proviene un altro rilievo apotropaico rafigurante simboli fallici, strumenti da muratore, l'alzato di un muro e frammenti di un'iscrizione che data la scultura, ora al Museo Civico di Sulmona, alla fine del I sec.a.C. Le caratteristiche dell'edificio, assai ben conservato nonostante lo stato di abbandono, fanno pensare ad un'antica "azienda agricola", simile a tante altre che dovevano costellare il fertile territorio peligno e i rilievi minori. L'ambiente maggiore venne nel medioevo riutilizzato come chiesa campestre, dedicata a San Leopardo, poi abbandonata in seguito ad un terremoto.

Area Informativa

Privacy - Disclaimer - Dichiarazione di accessibilità
Valid XHTML 1.0! Valid CSS!
Copyright © 2006 | Comunità Montana Peligna
Design & Powered by De Pamphilis