Ritorna alla Homepage della Comunita' Montana Peligna
Clicca sui colori in alto al disegno per andare nelle sezioni di entomologia Tricotteri Fasmidi Coleotteri Imenotteri Lepidotteri
PALAZZO SARDI, la Storia - Il collegamento si aprira' in una nuova finestra
Info Museo, orari - Il collegamento si aprira' in una nuova finestra
 


Museo di Storia Naturale
della Comunità Montana Peligna


LEPIDOTTERI

Fam. SATURNIDI: così chiamati per gli splendidi disegni di occhi con numerosi anelli concentrici. Sono tra le farfalle più grandi dell'entomofauna italiana, potendo raggiungere i 15 cm. di apertura alare. Le femmine, con le loro secrezioni di feromoni (ormoni sessuali), riescono ad attrarre i maschi che si trovano anche a notevole distanza. Questi ultimi sono, infatti, dotati di apposite antenne piumose che utilizzano per seguire tali scie odorose.

Acherontia atropsFam. SFINGIDI: crepuscolari e notturni, questi ottimi volatori sono capaci di restare sospesi a mezz'aria. Ciò gli permette di succhiare il nettare dai fiori senza bisogno di posarsi. Molti bruchi degli Sfingidi, presentando spesso un'appendice arcuata a mo' d'uncino, assumono, a riposo, una strana posizione eretta che gli conferisce un aspetto di sfingi, da cui deriva il nome della famiglia. Molto famosa è la bellissima Sfinge testa di morto (Acherontia atrops), grosso lepidottero sul cui torace spicca una macchia che ricorda un teschio. Questo particolare, unito al verso che emettono se disturbate, ha ingiustamente attribuito a questi innocui animali una sinistra fama.

Fam. PAPILIONIDI: famiglia di grandi e vistose farfalle diurne. Oltre al bellissimo e conosciuto Macaone (Papilio machaon), questo gruppo comprende l'Apollo (Parnassius apollo). Grande e vistosa farfalla diurna, con livrea candida chiazzata di rosso, abita le alte quote dei nostri parchi, dando vita a popolazioni endemiche. Attualmente è protetta perché minacciata dall'eccessivo prelievo da parte dei collezionisti.

Vanessa ioFam. NINFALIDI: comprende numerose specie tutte accomunate dall'atrofia delle zampe anteriori, che potrebbero farle apparire quadrupedi ad uno sguardo superficiale. Le più famose sono le Vanesse, diffuse dappertutto, dall'alta montagna alla pianura, con specie attive già in Febbraio. Inconfondibile risulta la Vanessa io o Vanessa occhio di pavone, con grandi macchie ocellate che ne decorano le ali, frequentatrice delle ortiche nella bella stagione.

Fam. ZIGENIDI: sono piccole farfalle dalla bella livrea adornata di colori vivaci e dalla lucentezza sericea, con prevalenza di rosso, nero, blu e verde. Queste appariscenti colorazioni sono premonitrici e servono per indicare ad eventuali predatori, come gli uccelli, la presenza di sostanze tossiche nel loro corpo.