Anversa degli Abruzzi  Bugnara  Campo di Giove  Cansano  Cocullo  Corfinio  Introdacqua  Pacentro
  Pettorano sul Gizio  Pratola Peligna  Prezza  Raiano  Roccacasale  Scanno  Villalalgo  Vittorito
 
Home › Chi siamo
Area Istituzionale
Chi siamo
Le Comunità Montane sono unioni di comuni: enti locali costituiti fra comuni montani e parzialmente montani. Hanno lo scopo di valorizzare la montagna e di aiutare chi ci vive a modificare le condizioni di sfavore che si trova quotidianamente ad affrontare.

Lo fanno attraverso l'esercizio di funzioni proprie, di funzioni conferite e di funzioni comunali in forma associata.
La Comunità Montana Peligna è costituita da 16 comuni:
Anversa degli Abruzzi, Bugnara, Campo di Giove, Cansano, Cocullo, Corfinio, Introdacqua, Pacentro, Pettorano Sul Gizio, Pratola Peligna, Prezza, Raiano, Roccacasale, Scanno, Villalago, Vittorito. Il territorio si estende per una superficie di 627,16 kmq e gli abitanti sono 24736 (censimento 2001).
L'Ente è soggetto responsabile del
Patto territoriale della Valle Peligna, finanziato per 73 miliardi dal Ministero del Tesoro Bilancio e Programmazione economica, in corso di attuazione. Il territorio del Patto ricomprende, oltre a quello della Comunità Montana, anche il comune di Sulmona. Il patto è stato sottoscritto dai Comuni, dalla Provincia dell'Aquila, dalla regione Abruzzo, dagli istituti bancari locali, dal Consorzio industriale, dalla Camera di Commercio, dal Cisi Abruzzo, dalla Fira, dalle principali organizzazioni di categoria e dalle organizzazioni sociali dei datori di lavoro e dei lavoratori. Il patto prevede investimenti complessivi per 165 miliardi e occupazione aggiuntiva per 541 addetti. Nell'attuazione del patto sono stati realizzati alcuni corsi di formazione professionale rivolti a giovani inoccupati e disoccupati di lungo periodo, finanziati dalla regione Abruzzo e attuati dal CISI. Sul piano formativo sono state realizzate collaborazioni con Sviluppo Italia Abruzzo, Eurobic e Enfap per la formazione dei dipendenti pubblici (comunità montana e comuni) sullo sportello unico e sui fondi strutturali. Attualmente è in corso di svolgimento il progetto, gestito direttamente dall'Ente, denominato "informa peligna", finanziato dalla regione Abruzzo nell' ambito del POR, piano 2002 (azione C.1.3 Interventi sperimentali a supporto dei sistemi), che ha l'obiettivo di realizzare l'integrazione tra i sistemi formativi (formazione e istruzione) e tra questi ultimi e il mondo del lavoro.
Dal 1998 La Comunità Montana peligna gestisce i
servizi sociali per i comuni dell'ambito n 17 Valle Peligna. La Comunità Montana in qualità di socio del gruppo di azione locale ha partecipato alla realizzazione del programma comunitario leader II e ha aderito alla manifestazione d'interesse per il nuovo programma leader +. Ha coordinato un gruppo di azione locale che ha concorso, con la presentazione di una proposta di piano di azione locale sul territorio dell'ambito di Sulmona, così come individuato dal QRR, al bando della regione Abruzzo per il PIC leader +.
L'Ente ha realizzato lo
sportello unico per le attività produttive, come servizio associato di 14 comuni, con l'assistenza e la consulenza della società SINT, utilizzando un finanziamento del Formez. Lo sportello unico è attivo dal 30 ottobre 2003 e costituisce uno strumento importantissimo per supportare lo sviluppo del territorio, in quanto è stato concepito come rete collaborativa tra tutti i soggetti coinvolti e come sistema informativo territoriale.
La Comunità Montana Peligna è soggetto referente del progetto
UTOPIA (un territorio ospitale progetta inclusione assistita) finanziato nell'ambito del programma di iniziativa comunitaria Equal. Il progetto è gestito da una partnership geografica costituita, oltre che dalla Comunità Montana Peligna, dai seguenti enti e società: Comunità Montana Alto Sangro, Comune di Sulmona, Provincia dell'Aquila, Enfap Abruzzo, Sviluppo Italia Abruzzo, Consorzio di cooperative sociali Impresa e solidarietà, S & T consulting. Il progetto è in corso di realizzazione e prevede la costruzione di un sistema integrato d'intervento per facilitare l'inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati.
L'ente ha promosso e sta realizzando con l'Associazione regionale produttori ovocaprini il progetto la "
Mantera", dando vita alla società omonima che ha l'obiettivo di raccogliere la lana, che oggi costituisce solo un peso e un costo per gli allevatori della zona, e trasformarla in piccoli oggetti da commercializzare con il marchio del Parco nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise.
Nella ideazione e formulazione del PIT (Progetto Integrato territoriale) dell'ambito di Sulmona l'Ente ha avuto un ruolo attivo nel tavolo di partenariato e nell'animazione e coordinamento svolto nei confronti dei comuni.
Tra i servizi associati che l'Ente svolge ci sono l'ufficio di protezione civile che sta realizzando i piani di protezione civile per tutti i comuni del territorio, e un sistema di cartografia digitalizzata di tutti i piani regolatori dei comuni che a breve sarà fruibile online sulla rete internet.
La Comunità montana gestisce il
Museo di storia naturale che ha due splendide sezioni: una entomologica e una mineralogica.
E' gestito in collaborazione con l'
Associazione Ardito Desio e nell'ultimo anno si è caratterizzato per un maggiore legame con il territorio con un allestimento dedicato alla pietra e all'acqua e con una maggiore attenzione all'educazione ambientale (progetti educativi nelle scuole e collaborazione con l'istituto d'arte).
Sarà possibile a breve svolgere il
servizio civile volontario presso la Comunità montana peligna, grazie a due progetti presentati e approvati e all'accreditamento in via di definizione con il dipartimento competente della presidenza del consiglio.
L'Ente è socio del Consorzio di ricerca e formazione ambientale, insieme al Comune di Sulmona, alla Provincia dell'Aquila e all'Università dell'Aquila, che gestisce due corsi di laurea a Sulmona: scienze infermieristiche e economia del turismo.
Dall'anno 2000 si è realizzata una collaborazione tra l'ente e le tre riserve del territorio:
Monte Genzana e Alto Gizio, Gole del Sagittario e Gole di San Venanzio che ha prodotto molte iniziative. In maniera ormai stabile viene realizzata una manifestazione annuale, a rotazione tra i diversi comuni, denominata "Vivere le riserve".
L'obiettivo dell'iniziativa è quello di mettere in rete le riserve, far nascere un coordinamento tra le stesse al fine di promuovere le attività e i progetti delle 3 aree protette, superando i confini amministrativi.
Il titolo dell'iniziativa non è casuale: le riserve sono nate essenzialmente per tutelare la natura, per garantire la trasmissione delle risorse naturali anche alle future generazioni, ma pongono, come tutte le aree protette il problema di una corretta gestione e del coinvolgimento pieno delle comunità locali. Le riserve naturali regionali sono una possibilità per vivere e migliorare la qualità della vita ma devono essere anche "vissute" dalle popolazioni. Non un'iniziativa solo per addetti ai lavori, ma un'occasione per riflettere, discutere, approfondire temi e lanciare progetti, insieme a momenti ricreativi e di crescita complessiva di una cultura ecologista.
Da alcuni anni la promozione del territorio della Comunità Montana e la partecipazione a eventi, fiere e manifestazioni è incentrata e si identifica con le tre riserve.
Inoltre, in una logica di integrazione dei programmi, degli interventi e delle risorse disponibili, sono stati presentati, alcuni dei quali finanziati, progetti e interventi sia sul docup Abruzzo che sul Piano di sviluppo locale del Leader +.
Oltre a ciò, le iniziative in svolgimento si integrano con altri progetti in corso di realizzazione sullo stesso territorio, come il progetto equal Compagnia dei Parchi e il progetto Life sul tasso. Febbraio 2004
Area Informativa
Privacy - Disclaimer - Dichiarazione di accessibilità
Valid XHTML 1.0! Valid CSS!
Copyright © 2006 | Comunità Montana Peligna
Design & Powered by De Pamphilis