Anversa degli Abruzzi  Bugnara  Campo di Giove  Cansano  Cocullo  Corfinio  Introdacqua  Pacentro
  Pettorano sul Gizio  Pratola Peligna  Prezza  Raiano  Roccacasale  Scanno  Villalalgo  Vittorito
 
Home Area Informativa › I Comuni della Comunità Montana Peligna Zona F

  • Comune Scanno




    INDIRIZZI E NUMERI UTILI

    MUNICIPIO

  • Sede del Comune: Via Napoli
    C.A.P. 67038
    Tel. 0864.747371
    Fax 0864.74545
    Sito internet:

    E - Mail: comunescanno@tiscalinet.it
    Abitanti: 2160
    Altitudine s.l.m.: 1050 m. s.l.m.
    Mercato settimanale: Giovedi
    Patrono: Sant'Eustachio
    Distanze in Km: da Sulmona Km

  • FRAZIONI
  • Frattura

  • INFORMAZIONI TURISTICHE
  • Abruzzo Promozione Turismo
    Ufficio Inform. Accoglienza Turistica
    p. Santa Maria della Valle, 12
    tel. 0864.74317/747121
  • Valle Orsara
    Centro prenotazioni
    Via Napoli, 21
    Tel. 0864.747774

  • ASSOCIAZIONI

  • EMERGENZE
  • Soccorso Pubblico
    Tel. 113
    Vigili del Fuoco
    Tel. 115

    Soccorso ACI
    Tel. 116
    Croce Rossa Italiana
    V. degli Alpini, 1
    Tel. 0864.74396
    Corpo Forestale dello Stato
    Via Roma, 1
    Tel. 0864.74547
    Stazione Carabinieri
    Via Domenico Tantutti
    Tel. 0864.74622

  • EMERGENZE SANITARIE
  • Pronto Soccorso
    Tel. 118
    Guardia medica
    Circ. Scanno
    Via degli Alpini, 1
    Tel. 0864.747290
    Consultorio Familiare
    V. degli Alpini
    Tel. 0864.747775
    Farmacia Mancinelli
    Via Abrami, 13
    tel. 0864.74348


  • UFFICI POSTALI
  • Via Napoli, 19
    Tel. 0864.74316
    Fax: 0864. 747886

  • BANCHE
  • Stazione Ferroviaria
    Stazione di Sulmona
    tel. 0864.

    Autolinee
    [ARPA]
    Autolinee Region. Pubbliche Abruzzesi
    Info tel. 085.4215099
    SCHIAPPA
    via Autostrada per Roma
    Info: Tel.0864.74362 - Fax 0864.74530


  • BANCHE
  • Carispaq
    Tel. 0864.749804
    Banca del Fucino
    Tel. 0864.747784
    BCC Parco Nazionale d'Abruzzo

  • TEMPO LIBERO
  • - Impianti di Risalita
    - Maneggi
    - Impianti Sportivi
    - Discoteca
Storia
Ritrovamenti effettuati soprattutto nelle vicinanze del lago e del paese attuale (tombe, monete, iscrizioni, bronzetti) fanno ritenere che già in epoca assai antica esistessero nel territorio insediamenti stabili, forse da connettere con il "Pagus Betifulum" citato in un'epigrafe. La prima attestazione di "Scamnum" risale al secolo XI, quando tutta la valle del lago viene donata dai Conti di Sangro al monastero di Montecassino. Nei secoli seguenti Scanno fu coinvolta negli eventistorico-politici comuni a tutta la Valle Peligna. Fu dunque parte dei dominii di alcune famiglie gentilizie nel medioevo e nel rinascimento (basti ricordare i d'Aquino, gli Avalos, i Caracciolo di Melissano) fino al 1806, data dell'abolizione del regime feudale. Le fiorenti attività artigianali che ancor oggi rendono il paesegiustamente famoso assai oltre i confini regionali fondano le loro radici già nel periodo tardo-rinascimentale; a partire poi dal secolo XVII Scanno godè di un'incredibile ricchezza di armenti, che incrementarono ulteriormente l'industria tessile.
L'urbanistica attuale ha conservato intatti angoli del paese antico e le architetture medievali, rinascimentali e barocche, in buona parte sopravvissute agli eventi naturali e all'azione trasformante della mano dell'uomo
Ambiente
     
Scanno, realtà consolidata nel panorama del turismo abruzzese, deve la sua ricchezza ad un insieme di felici combinazioni naturali e alla sua rinomata tradizione artigiana.
Sorge nella valle del fiume Sagittario ed è incorniciato da un gruppo montuoso che comprende la Montagna Grande e M. Godi collocato all'interno del Parco Nazionale d'Abruzzo. Ma più di ogni altra cosa, l'aspetto naturalistico che contraddistingue Scanno è senza dubbio il lago.
Questo specchio d'acqua montano è oggi il maggiore lago naturale della Regione ed è una delle maggiori attrattive turistiche del luogo. Tutto questo ha fatto sì che Scanno sia divenuta nel tempo la "perla" centrale di un turismo di qualità nell'intero panorama delle bellezze della regione Abruzzo.
Enogastronomia
- gnocchi con orapi (pinaci selvaggi)
- pan dell'orso
- mostaccioli
- torrone
- frutticielle (chiocciole con anima di pan di spagna e glassa brunita, ripieni di crema amaragnola)
Da Visitare   Manifestazioni
- Chiesa parrocchiale di S. Maria della Valle, ricordata nel medioevo (sec. XII) come S. Maria di Scanno, attualmente cinquecentesca, con facciata molto rimaneggiata nel corso dei secoli
- Chiesa del Purgatorio o delle Anime Sante, settecentesca, interdetta al culto e utilizzata per iniziative culturali (Auditorium)
- Chiesa di S. Eustachio o S. Maria di Loreto, ricordata nel XII secolo, completamente ricostruita nel 1712
- Chiesa di S. Maria di Costantinopoli (sec. XV), all'interno bell'affresco "Madonna in trono con Bambino" (1478)
- Chiesa di S. Maria delle Grazie (sec. XVIII)
- Chiesa di S. Rocco o Madonna del Carmine (sec. XV)
- Chiesa di S. Giovanni Battista (sec. XVI)
Vedi l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestra Chiesa di S. Antonio Abate (anteriore al sec. XVI, ricostruita nel 1850)
- Chiesa di S. Antonio da Padova,extra-urbana, della fine del XVI secolo
- Palazzi storici: P. Mosca (sec. XVI) con bel portale barocco; P. Serafini (sec. XVII); P. Tanturri De Horatio (sec. XVII); P. Di Rienzo (sec. XIX)
Vedi l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestra Fontana Sarracco (12), formata da due arcate, una del 1549 e l'altra del XVIII secolo
- Fontana detta "Pisciarello" (sec. XVIII), sormontata da uno stemma a tre torri
Vedi l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestra Museo della Lana, ospita attrezzi, documenti e utensili della vita quotidiana della cultura pastorale
  6 gennaio:
"Le Chezette" - serenata notturna
17 gennaio:
S.Antonio Abate
festa della pastorizia
Pasqua:
Corteo degli incappucciati
13 Giugno:
S.Antonio da Padova processione con travi in legno
10 agosto:
S.Lorenzo - festa campestre.
14 agosto:
Il Catenaccio - rievocazione dell'antica sfilata nuziale
20 settembre:
S.Eustachio - festa patronale
10 novembre:
Le Glorie di S.Martino - capodanno contadino e accensione delle "Glorie" (catasta di legne)
31 dicembre:
Fiaccolata sulla neve
Impianti di Risalita a Scanno
Ingrandisci l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestraIncastonata tra vette che superano i 2000 m di altezza Scanno offre al visitatore molteplici opportunità per la pratica degli sport invernali.
Direttamente dal centro del paese è possibile raggiungere con una moderna seggiovia il bacino sciistico di M. Rotondo recentemente ristrutturato e dotato di 3 seggiovie, 12 Km di piste con innevamento programmato, 2 rifugi uno dei quali con possibilità di pernottamento sino a 18 persone. Con 900 m di dislivello il bacino di M. Rotondo sviluppa una delle piste più lunghe dell'Appennino che attraverso 4 Km congiunge quota 1900 m con il centro dell'abitato. Una vista mozzafiato sulle cime maggiori dell'Appennino (Gran Sasso e Majella) unitamente alla possibilità di effettuare comode passeggiate nei boschi consente anche ai non sciatori di trascorrere un'indimenticabile giornata in quota.
In estate la seggiovia di arroccamento è frequentata da tutti coloro che intendono raggiungere il Parco Nazionale d'Abruzzo in modo nuovo nel pieno rispetto della natura; in 3 ore da Colle Rotondo è possibile raggiungere Pescasseroli.
Ad 11 Km dal centro, in località Passo Godi, lo sci alpino, pur presente con 4 sciovie, cede il passo allo sci nordico grazie a 2 attrezzati anelli per lo sci di fondo per un totale di 15 Km. Ulteriori itinerari per lo sci escursionistico si addentrano in una delle più belle zone del Parco Nazionale d'Abruzzo.
Oreficeria
Ingrandisci l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestraNell'ambito delle tradizioni artigianali, la lavorazione dell'oro è sicuramente una delle più fiorenti; la sua origine risale tra il 1500 e il 1600, sotto l'influenza del Regno di Napoli, e si caratterizza nella tecnica della filigrana. Questa lavorazione consiste nell'intrecciare fili sottilissimi di metallo prezioso (oro o argento) al fine di ottenere una piccolissima cordicella che schiacciata si presenta con dei segmenti trasversali a "spiga". Il suddetto filo viene tagliato in piccoli pezzi o modellato all'interno di cornici di varie forme a secondo del gioiello da realizzare. I primi gioielli scannesi ebbero la loro importanza prevalentemente come ornamenti nuziali, al fine di arricchire ulteriormente i già sfarzosi abiti, ostentando benessere economico.
Tombolo
Nel 1950 venne emesso dall'Istituto Poligrafico dello Stato un francobollo da 6 lire in cui il centro storico di Scanno faceva da sfondo a due donne in costume. Una teneva sul capo una conca, l'altra era intenta a lavorare il tombolo. E' evidente nelle intenzioni del Menana, che realizzò il disegno, l'immediato collegamento che associava l'artigianato scannese al tombolo, al tombolo e non alla tessitura o all'oreficeria, attività queste ultime più antiche e squisitamente scannesi; una analisi iconografica sul costume rivela infatti che la lavorazione della "scolla" (14), prodotto merlettiero che ornava il corpetto muliebre "cummidine", non era in uso fino ai primi dell'ottocento. Quindi è chiaro che l'arte del tombolo giunse a Scanno solo nel secolo scorso e non nel ‘500, come si è a lungo creduto. Tuttavia, nonostante sia così recente, la realizzazione dei merletti, si impose rapida nel piccolo centro peligno radicandosi così rapidamente che ormai non ci si può riferire all'artigianato locale senza citarla, ché essa è entrata a pieno titolo nel suo patrimonio culturale coesistendo degnamente con tradizioni ben più antiche e consolidate.
Pan dell'Orso
L'origine di questo dolce è molto antica; il "panello", questo il suo nome originario, era uno dei cibi che i pastori, durante la transumanza, portavano con se.
  • Visita i Comuni
  • DOVE SIAMO
  • Ingrandisci l'immagine
  • Turismo
  • Alberghi
  • Ristoranti
  • Area costa Camper


  • Link esterno - Sito Ufficiale della FEE Italia"Bandiera Blu" 2004 per la qualità delle acque del lago

Privacy - Disclaimer - Dichiarazione di accessibilità
Valid XHTML 1.0! Valid CSS!
Copyright © 2006 | Comunità Montana Peligna
Design & Powered by De Pamphilis